NILO PROVINCIA DI FIRENZE

TIPOLOGIE DI IMPRESA

START - UP INNOVATIVE

FINALITA'

Per favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, l'occupazione in particolare giovanile, la normativa riguardante le imprese start-up innovative (Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, art. 25, c.d. Decreto Sviluppo bis o Decreto crescita 2.0, conv. Legge 17 dicembre 2012, n. 221) intende contribuire allo sviluppo di nuova cultura imprenditoriale maggiormente favorevole all'innovazione, a promuovere maggiore mobilità sociale e ad attrarre in Italia talenti e capitali dall'estero.

DEFINIZIONE DI START - UP INNOVATIVA

L'impresa start-up innovativa è la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano DPR 22 dicembre 1986, n. 917, art. 73) ovvero una Societas Europaea, le cui azioni o quote del capitale sociale non sono quotate su un mercato regolamentato, che possiede i seguenti requisiti:

  • la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto nell'Assemblea ordinaria dei soci sono detenute da persone fisiche
  • è costituita e svolge attività d'impresa da non più di quarantotto mesi
  • ha la sede principale dei propri affari e interessi in Italia
  • a partire dal secondo anno di attività della start-up innovativa, il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall'ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio, non è superiore a 5 milioni di euro
  • non distribuisce, e non ha distribuito, utili
  • ha, quale oggetto sociale esclusivo, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico
  • non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di
  • azienda
  • possiede almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:a) le spese in ricerca e sviluppo sono uguali o superiori al 30 per cento del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione della start-up innovativa. Dal computo per le spese in ricerca e sviluppo sono escluse le spese per l'acquisto di beni immobili. Le spese risultano dall'ultimo bilancio approvato e sono descritte in nota integrativa. In assenza di bilancio nel primo anno di vita, la loro effettuazione è assunta tramite dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante della start-up innovativa
    b) impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un'università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di
    c) ricerca pubblici o privati, in Italia o all'estero
    d) sia titolare o licenziatario di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale direttamente afferenti all'oggetto sociale e all'attività d'impresa
    Le società già costituite alla data di conversione in legge del presente decreto e in possesso dei requisiti , sono considerate start-up innovative se entro 60 giorni dalla stessa data depositano presso l'Ufficio del registro delle imprese, (C.C., art. 2188), una dichiarazione sottoscritta dal rappresentante legale che attesti il possesso dei requisiti (DL 179/2012, art. 25, comma 2).
    In tal caso, la disciplina trova applicazione per un periodo di quattro anni dalla data di entrata in vigore del Decreto se la start-up innovativa è stata costituita entro i due anni precedenti, di tre anni se è stata costituita entro i tre anni precedenti, e di due anni se è stata costituita entro i quattro anni precedenti.

    START - UP A VOCAZIONE SOCIALE

    Sono start-up a vocazione sociale le start-up innovative che operano in via esclusiva nei settori (del Dlgs 155/2006, articolo 2, comma 1): assistenza sociale, assistenza sanitaria, assistenza socio-sanitaria,  educazione, istruzione e formazione (Legge 28 marzo 2003, n. 53), tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, (Legge 15 dicembre 2004, n. 308), valorizzazione del patrimonio culturale (Codice dei beni culturali e del paesaggio, Dlgs 22 gennaio 2004, n. 42), turismo sociale, (Legge 29 marzo 2001, n. 135, art. 7, comma 10), formazione universitaria e post-universitaria, ricerca ed erogazione di servizi culturali, formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo, servizi strumentali alle imprese sociali, resi da enti composti in misura superiore al settanta per cento da organizzazioni che esercitano un'impresa sociale.

INCUBATORE DI START - UP INNOVATIVE CERTIFICATO

La medesima normativa regola anche l'incubatore di start-up innovative certificato, definita come una società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, che offre servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up innovative ed è in possesso dei seguenti requisiti:

a) dispone di strutture, anche immobiliari, adeguate ad accogliere start-up innovative, quali spazi riservati per poter installare attrezzature di prova, test, verifica o ricerca

b) dispone di attrezzature adeguate all'attività delle start-up innovative, quali sistemi di accesso alla rete internet, sale riunioni, macchinari per test, prove o prototipi

c) è amministrato o diretto da persone di riconosciuta competenza in materia di impresa e innovazione e ha a disposizione una struttura tecnica e di consulenza manageriale permanente

d) ha regolari rapporti di collaborazione con università, centri di ricerca, istituzioni pubbliche e partner finanziari che svolgono attività e progetti collegati a start-up innovative

e) ha adeguata e comprovata esperienza nell'attività di sostegno a start-up innovative

 

INCENTIVI ALL'INVESTIMENTO IN START-UP INNOVATIVE

 

A favore di chi investe in start-up innovative, è prevista una detrazione Irpef  pari al 19% della somma investita dal contribuente nel capitale sociale - di una o più start- up innovative - (DL 179/2012, art. 25, comma 2). Ad oggi tale agevolazione non è ancora operativa, in mancanza di appositi regolamenti attuativi.

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA

La società a responsabilità limitata è la forma di società di capitale più semplice. Per le obbligazioni sociali risponde la società con il suo patrimonio ed i soci rispondono solo entro i limiti della somma o del capitale conferito. Oltre alla s.r.l. tradizionale è possibile costituire s.r.l. unipersonale, in tal caso l’unico socio gode della responsabilità limitata: non coinvolge il proprio patrimonio personale nel rischio d’impresa, se il socio è anche amministratore dell’impresa sarà unico titolare del potere decisionale .In questo tipo di società si mantengono comunque le caratteristiche giuridiche tipiche di una società di capitali con in aggiunta la possibilità di iscrizione all'albo delle imprese artigiane.

ADEMPIMENTI COSTITUTIVI

Oltre alla comunicazione unica al registro delle imprese è necessaria la costituzione della società per atto pubblico; ci si deve rivolgere ad uno studio notarile che predispone la redazione e la sottoscrizione dell’atto costitutivo e dello statuto. L’atto costitutivo deve riportare: i dati anagrafici dei soci, la denominazione recante l’indicazione S.R.L., l’indicazione della sede sociale, l’ammontare del capitale sottoscritto e versato, la quota di conferimento di ogni socio, le norme per la ripartizione degli utili, i dati indentificativi degli amministratori e, dove previsto, dei componenti del collegio sindacale, la durata della società e l’importo globale delle spese di costituzione a carico della società. Il capitale iniziale è pari a 10.000 Euro.
Ultimo aggiornamento: 23/05/2013
I contenuti della presente pagina hanno una valenza unicamente informativa: fanno fede soltanto i testi di legge pubblicati nella G.U.
Conform declina ogni responsabilità per eventuali danni cagionati a terzi e per qualsiasi problema derivato dall’uso e la diffusione della presente pubblicazione.